giovedì 24 novembre 2011

In attesa delle ferie natalizie

Qui, alla fine, è arrivato l'inverno. Non è ancora nevicato, e non è previsto che lo faccia per questa settimana e metà della prossima, ma i presupposti ci sono tutti, con temperature che rimangono vicine allo zero anche nelle ore teoricamente "calde".
I mercatini di Natale ed i chioschi del vino caldo hanno già aperto da una settimana, per la gioia di grandi e piccini, che non sembrano aspettare altro per il resto dell'anno. La cosa che mi è sembrata un po' strana è che una buona fetta della clientela di questi posti, è rappresentata da ragazzi tra i 15 ed i 20 anni. Se ci pensate, iniziative del genere sarebbero tranquillamente snobbate, in Italia, da persone di quell'età. Io ci sono stato già 2-3 volte con colleghi e/o amici. I chioschi per bere sono simpatici, non particolarmente costosi e con una bella atmosfera, mentre le bancarelle del mercatino sono, come ogni anno, piene di roba di dubbio gusto, e con dei prezzi allucinanti, in alcuni casi. Un voto positivo va sicuramente ai numerosi chioschi per mangiare roba veloce tipo wurstel, hamburger e simili. Ne ho provati due e sono stato parecchio soddisfatto. Una specialità che consiglio di provare è il Langos: una specie di "frittella da sagra", salata, ed avvolta attorno ad un wurstel, formaggio ed altri ingredienti. Il tutto immerso, prima di essere fritto, in un olio strapieno di aglio. Io l'ho preso senz'aglio, naturalmente. E' una delle cose più pesanti che ho mangiato in vita mia, ma è buono.
Assieme ai mercatini è iniziato anche l'afflusso di "forestieri", sia dai paesi limitrofi che da molto più lontano ( è normale imbattersi in comitive di italiani, ma questo più avanti, nei primi week end di dicembre ). 
La domenica, di solito, trovo posto per la macchina direttamente sotto l'ufficio; Domenica scorsa ho dovuto parcheggiare tipo a 500 metri, perchè era tutto pieno. Sia chiaro che non mi sto lamentando di ciò, anzi! Qui la domenica è tristemente famosa per essere un mortuorio totale, invece con i mercatini è molto più divertente, e fare una passeggiata in centro non è più deprimente ( è chiaro che se decidete di fare un giro a Klagenfurt, dovete evitare accuratamente la domenica, a meno che non ci siano i mercatini ).
Per Natale, l'azienda ci ha già comunicato i periodi di ferie: io, come ogni anno, mi sono fatto dare libera la settimana di Natale, per passarla in Italia con genitori ed amici. Quest'anno, però, non sono capitato tanto bene, in quanto Natale cade di domenica, ed io riprendo a lavorare lunedì 26 al mattino, quindi sarò costretto a partire dall'Italia il giorno di Natale. Inoltre, lascerò la macchina in Italia per un breve periodo, in quanto devo fare la revisione del 14° anno ( un applauso per la mia  Brava!!! ). Credo che tornerò a prenderla verso fine gennaio o inizio febbraio, neve permettendo. L'ultimo dell'anno lo passerò qua a Klagenfurt, e dovrò anche limitarmi nei festeggiamenti, in quanto lavoro il 1° Gennaio ( come ogni anno ).
L'anno scorso, l'ultimo è stata una serata negativa per diversi motivi. Speriamo che quest'anno vada meglio.



3 commenti:

grissino ha detto...

Beh alla fine è come qui a Vienna ovviamente. Il banchetto del punch io lo trovo totalmente inutile. Non vado mai nei locali e il punch me lo faccio a casa. Poi se invece è un modo per scaldarsi andando per mercatini, allora ok.
Sì i prezzi sono in generale molto alti ma per esempio palline così belle nei negozi normali non le ho viste.
Il Langos a me non piace, sono molto meglio le frittelle che fanno in italia per esempio a milano per gli oh bej oh bej

Anonimo ha detto...

Ps puoi abilitare la vista da cellulare nelle opzioni? Mi faciliteresti quando lascio un commento.
Grissino

Lucio ha detto...

Di merci e preziosi venduti alle bancarelle dei mercatini ho un ricordo particolarmente brutto, sia come qualità, che come rapporto qualità-prezzo. Va da sè che se continuano ad allestire tutto quell'ambaradam ci saranno dei buoni motivi (vedasi potenziali acquirenti come grissino ;) ). Senza entrare nel dettaglio, le bevande calde, le uso per farmi un pediluvio, perché non sono il mio genere. Continua a stupirmi il fatto che bimbetti di 15, 20 anni non aspettino altro. Almeno da noi non aspettano che arrivi l'estate per andare al mare, non l'inverno per andare a bere punch, gluehwein e tutte' gose. Il LARDOS me lo vedo bello sostitutivo di 3 pasti; probabilmente però, conoscendo i tuoi gusti, non posso che darti ragione. La Brava sta diventando d'epoca, tra 3 revisioni non pagherai manco più il bollo e l'assicurazione sarà molto più bassa...teoricamente però non potresti usarla sennon per qualche raduno! Mi ti vedo ad un raduno di Fiat Brava in Austria, con il cappellino FIAT e gli occhiali alla Jacocca!