giovedì 23 giugno 2011

Ferie in Italia e Croazia

Al ritorno dalle ferie, mi sono preso una piccola pausa dal blog, ma adesso sono di nuovo qua a parlarvi della mia seconda settimana di vacanza.
Prima di tutto, sono sceso in Italia a salutare genitori ed amici, che non vedevo da Natale.
Rispetto all'anno scorso, la calura è stata più magnanima, complici alcuni temporali estivi che non mi sono certo dispiaciuti. Ho passato i quattro giorni in Italia in tutta tranquillità, tra passeggiate in centro, qualche puntatina a fare acquisti ed a casa con mamma e papà, che per fortuna godono di buona salute. Per le serate, mi sono affidato al consueto bar che frequentavo da anni prima di trasferirmi in Austria, e che i miei amici continuano a frequentare. Da un annetto ha cambiato gestione ed è stato comprato da un cinese. Avevamo qualche perplessità, visto che andavamo molto d'accordo con il gestore e le cameriere precedenti, ma alla fine il nuovo oste, tale Stefano ( non so quale sia il nome "vero", ma sapete che la maggior parte dei cinesi acquisisce un nome nostrano, assegnato in base a oscuri parametri ), si è rivelato molto gentile e simpatico.
Al livello di acquisti, la spesa più grossa l'ho fatta in libreria a Padova, dalla quale sono uscito con una decina di libri, alcuni dei quali presi "di getto" o nella migliore delle ipotesi affidandomi al nome dello scrittore. Lo so, potrei fare un po' di sacrificio, ed iniziare a leggere romanzi in tedesco, ma non è così facile per numerosi motivi: gli scrittori usano un vocabolario molto ampio e la maggior parte dei romanzi sono scritti al passato, cosa che infastidisce non poco visto che una buona parte dei verbi tedeschi hanno forme irregolari al passato. Sarei costretto a leggere con il dizionario sempre a portata di mano, il che mi darebbe molto fastidio, visto che leggo solamente prima di addormentarmi. Magari in futuro ci proverò, visto che alcuni libri in tedesco li ho già comperati. Sono passato anche in edicola e da Media World, ma non ho trovato niente di particolarmente interessante. L'altro posto dove ho speso qualche soldo è stato Decathlon. Non mi serviva niente in particolare, ma ne ho approfittato per prendere un paio di short da tennis ( per chi non lo sapesse, è indispensabile avere le tasche per tenere le palline, altrimenti impazzisci, provato di persona ), un orologio per andare a correre ed un berretto stile baseball. Quest'ultimo, non è che sia uno dei miei accessori preferiti, ma ultimamente ho notato che il sole in testa mi crea più problemi del solito ( sarà l'età ). Ne avevo già preso uno qui a Klagenfurt allo spaccio Adidas, ma lo sto usando solo per giocare a tennis.
Ho anche approfittato della permanenza in Italia per fare un lavoro sulla macchina. Qui in Austria, dove notoriamente i meccanici costano più che da noi, mi avevano fatto un preventivo da 370 euro. In Italia ne ho spesi 280.
Questa volta, purtroppo, non ho trovato il tempo per andare a far visita ai miei ex colleghi, sia per mancanza di tempo ( ho dovuto anche andare in banca un paio di volte ed a salutare diversi amici di famiglia ), che per mancanza di macchina, ma andrò senz'altro a far loro gli auguri di Natale.

Il venerdì, assieme ad un amico che abita a Klagenfurt, siamo partiti per chiudere in bellezza le ferie con un week end a Parenzo, in Croazia. L'obbiettivo principale era lo Spring Jam, una festa studentesca austriaca che si svolge ogni anno in un residence nei pressi della cittadina istriana. L'hotel che abbiamo prenotato non era certo a buon mercato ( 42 euro a notte, a testa ), e non era certo lussuoso ( stanza "minimale" e piccolina ) ma era in un'ottima posizione: direttamente davanti al porto turistico, che si vedeva dalla terrazza, e vicinissimo al centro. Parenzo è una città molto bella, il cui centro storico assomiglia vagamente a quello di Venezia ( vedi le foto sotto ). I ristoranti ed i bar sono a buon mercato e c'è sempre gente, sia di giorno che la sera. Nel porto, sono ormeggiati degli yacht bellissimi. Forse ne ho visti di meglio solo a Montecarlo. Il pomeriggio, abbiamo cercato di informarci riguardo a questa festa, ma la gente sembrava cadere dalle nuvole. Strano, visto che sul sito parlavano di migliaia di persone. La sera siamo andati in taxi in questo residence ( ad una decina di chilometri ), per scoprire che la festa sarebbe iniziata solamente il giorno dopo. In aggiunta, ho preso una botta di freddo stando seduto fuori al bar del residence, e non ho dormito tutta la notte a causa del mal di stomaco. Siamo tornati a Parenzo verso mezzanotte, e siamo stati un po' in centro, dove c'era parecchio movimento. Il giorno dopo, il sabato, siamo tornati in macchina ( non avevo intenzione di bere, visti i problemi allo stomaco ) a questo residence verso le sei del pomeriggio, nella speranza di avere più fortuna. In effetti, era decisamente meglio del giorno prima: c'era un concerto in spiaggia, parecchia gente ed una bellissima atmosfera. Il problema, è triste ammetterlo, era l'età dei partecipanti all'evento: ho visto ragazzi e ragazze che secondo me non avevano più di 15 anni, e credo che l'età media fosse 20 o poco più. Inoltre, per dir la verità, non ho visto le migliaia di persone di cui parlava il sito, ma molte meno. Dopo il concerto in spiaggia, abbiamo passeggiato un po' per il residence, mangiato una pizza, ed aspettato qualche ora per vedere se si animava la serata. Verso mezzanotte, visto che in giro si vedevano poche persone, abbiamo preso la macchina e siamo rientrati a Parenzo. La domenica, verso mezzogiorno, siamo ripartiti per Klagenfurt, visto che lunedì lavoravamo entrambi.

Ora che sono rientrato stabilmente alla base, i propositi per l'estate sono sempre i medesimi: migliorare un po' la forma fisica ( a casa ho avuto modo di pesarmi, e la bilancia mi ha comunicato impietosamente la gravità del problema ) ed impegnarmi nella ricerca dell'appartamento. Per il primo dei due propositi, mi sono già attivato: ho iniziato un programma di allenamento molto blandamente, per evitare fastidiose magagne fisiche alle gambe ( soprattutto ginocchia e polpacci ) che mi perseguitano da qualche anno, e che si aggravano col passare del tempo e con l'aumentare del peso. Sono andato a correre 6-7 volte, molto tranquillamente, e per il momento non ho avuto particolari problemi. Fino alla fine dell'estate, conto di aumentare molto gradualmente la durata e l'intensità delle uscite, nella speranza di arrivare ad un livello accettabile. Inoltre ho ripreso a giocare a tennis regolarmente. Non sto vedendo grandi miglioramenti, ma tutto sommato rimane divertente. Per l'appartamento, non è che ci possa fare tanto. Continuo a seguire i siti di inserzioni immobiliari ed a leggere qualche giornale di annunci, ma rispetto ad aprile/maggio, mi sembra ci sia molta meno offerta. Speriamo di avere fortuna.
Per la serie "Gli acquisti insulsi", la settimana scorsa mi sono comperato un diabolo. Ci sto giocando un po', ma è ancora più difficile di quanto pensassi. Quando e se imparerò a fare qualche trick, posterò un video. Ah, non scrivete sui commenti che è roba per sinistroidi dei centri sociali, per favore.




3 commenti:

Lucio ha detto...

Mi dispiace per lo SpringJam che mi dava tanto l'idea delle vacanze primaverili degli studenti americani a Cancun (tali Spring Break), comunque penso proprio che Parenzo meriti...ma hanno copiato il campanile di San Marco o è solo un'impressione?
Per quanto riguarda la forma fisica ne abbiamo già parlato. Sostanzialmente, se invece di fare solo BAR almeno si alterna la cosa, dovrebbe già fare molto bene alla salute (vedi Costi opportunità - Elementi di microeconomia 1!).
Per quanto riguarda il diabolo, mi sembra una cosa da sinistroidi dei centri sociali!! Ahaha, scherzo. La prossima volta che vengo lì mi insegni ad usarlo! Poi ne porto uno a Cuba e apro un mercato illegale di diabolos (o diaboli) 'che lì non sono ancora arrivati!!

Grissino ha detto...

Ah, non scrivete sui commenti che è roba per sinistroidi dei centri sociali, per favore.
***
eh eh eh...
Ad ogni modo perché non togli questa fastidiosa moderazione dei commenti? Tanto ti arriva comunque una e-mail per ogni commento / puoi cancellarli anche dopo.

Oscar ha detto...

@Lucio: hanno "copiato" parecchio da Venezia, poco ma sicuro. Potresti fare i bei soldi a Cuba con i diabolo, magari diventi ricco e ti stabilisci là.
@Grissino: non tolgo la moderazione dei commenti, perchè mi arriva parecchio spam, non ne conosco la motivazione, quindi preferisco evitare che vada a finire sul blog.